La destinazione in “R” o in “O” è determinata dalle successive operazioni che è possibile effettuare su tale rifiuto.

I rifiuti in R13, per questioni vincolate anche dal carico di attività degli operatori oltre che per le caratteristiche dell’impianto, nonché per la tipologia degli stessi, potranno dare origine a:

  • Pretrattamento di recupero effettuato internamente (attività R12)
  • Pretrattamento di smaltimento effettuato internamente (attività 013 / 014)
  • Trattamento di recupero effettuato internamente (attività R3 IR4)
  • Avvio presso impianti terzi i quali effettueranno lo smaltimento finale e/o il trattamento di recupero definitivo

In “messa in riserva” (R13) possono essere destinati sia rifiuti pericolosi oltre che pericolosi in differenti stati fisici.
I rifiuti in 015, invece, verranno destinati ad impianti terzi per lo smaltimento finale.